Pellicola in b/n, multiesposizioni in ripresa, stampa ai sali d'argento

 

 

Con questo lavoro mi propongo di mappare le tracce del sé attraverso le configurazioni della memoria, intesa non solo come archivio e bagaglio di esperienze ma come forza creativa vitale: nei numerosi viaggi in Grecia, fin dall'infanzia, ho fotografato con lo sguardo luoghi ed atmosfere, ho assimilato sapori, profumi, suoni, che sono andati a sedimentarsi e mescolarsi tra loro creando immagini inedite, relative talvolta a situazioni mai accadute nella realtà, ma vive nel mio immaginario, segno delle mie emozioni.